Facebook Twitter Youtube Feed RSS

VIDEO. Anche a Pinerolo Berlusconi logora chi il successo non ce l'ha. I grillosinistri escono...


VIDEO.  https://youtu.be/HnWEDAAOsMA


Anche qui: https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=pfbid028rTtzdrL6tosBYy1M9NDSzovmmfWWSFYfKXHJkJoEC2LTHqfhvZbLHGepreMpnkTl&id=100054972488945  

Quando Berlusconi divide anche da defunto: parte dei consiglieri della maggioranza e della giunta comunale di Pinerolo abbandona l’aula consiliare di fronte al   minuto di silenzio.

 di Ivan Albano

Durante la seduta del Consiglio Comunale di Pinerolo, presieduta inizialmente  dal vice presidente del consiglio comunale Giuseppe Manganiello,  il consigliere Dario Mongiello, della lista civica “Pinerolo Trasparente”,  ieri aveva proposto un minuto di silenzio per ricordare la figura di Silvio Berlusconi.

E che cosa è successo? “Questa sera , 14 giugno, durante il consiglio comunale ,   parte dei consiglieri della maggioranza grillo-comunista e assessori della giunta – osserva Dario Mongiello  - con amarezza  hanno lasciato l’aula. Mi ha amareggiata un siffatto comportamento, in quanto si può essere stati acerrimi avversari politici di Berlusconi, ma rispettare un uomo che ha ricoperto quattro volte la carica di Presidente del Consiglio ed è stato protagonista della scena politica e sociale italiana degli ultimi tre decenni dovrebbe essere un obbligo morale “.

A quanto pare Berlusconi è riuscito a essere divisivo anche da defunto, a dimostrazione di come gli Italiani siano un popolo avvezzo alla litigiosità e allo scontro a oltranza.

“ Ritengo – prosegue  Mongiello –  che, se il governo, come è nelle sue prerogative, ha deciso per l’ esecuzione dei  funerali di Stato, sia doveroso rispettare questa decisione, per una ragione molto semplice: al di là delle simpatie politiche, vi sono situazioni in cui occorre riconoscere l'  autorità   rappresentata dalle istruzioni”.

Si possono combattere le opinioni altrui, anche duramente, ma il rispetto non dovrebbe mai venire meno.

Diceva Voltaire: “ Mi batterò sino allo spasimo affinché il mio rivale possa sempre esprimere le proprie idee”.  E le idee si esprimono anche rispettando la morte di chi è stato l’ avversario per eccellenza.

Nella foto, da sinistra, Giuseppe Manganiello e Dario Mongiello

Ivan Albano

 

 

Commenti