Facebook Twitter Youtube Feed RSS

Un estremista islamico autore di violente aggressioni è stato rimpatriato in Marocco.

15/05/2024 15:59

Un estremista islamico autore di violente aggressioni è stato rimpatriato in Marocco.

L'uomo, 36 anni, di origini marocchine, nell'ottobre scorso a Cuneo, inneggiando all'islamizzazione dell'Occidente, si era reso responsabile di una violenta aggressione ai danni di due persone e degli agenti della Polizia locale di Borgo San Dalmazzo intervenuti per fermarlo.

A ottobre il trentaseienne, dopo aver chiesto un passaggio in auto al vicino di casa roccavionese, aveva aggredito l'uomo ed il figlio disabile danneggiandone il mezzo. Successivamente, dopo essere sceso dall'auto in una rotonda a Borgo San Dalmazzo, aveva colpito anche varie altre automobili di passaggio, urlando "Allah Akbar".

Per bloccarlo erano dovuti intervenire 5 agenti della Polizia locale della cittadina cuneese, due dei quali erano rimasti feriti. La Procura della Repubblica aveva aperto un fascicolo di indagine.

"Ringrazio di cuore gli agenti di Polizia locale di Borgo San Dalmazzo intervenuti a tutela dei cittadini coinvolti in quella drammatica vicenda", commenta il Senatore cuneese della Lega, Giorgio Maria Bergesio.

"Il lavoro delle Forze dell'ordine, che vigilano costantemente sulla sicurezza della popolazione con professionalità ed efficacia, diventa sempre più cruciale per tutelare la popolazione italiana. Ogni giorno anche nella nostra terra, il Cuneese, nelle città maggiori come anche nei piccoli centri, siamo ormai costretti ad assistere ad episodi simili, in cui individui esaltati o, come in questo caso, riconosciuti come estremisti islamici, mettono in pericolo la vita dei cittadini italiani o le loro proprietà", dice ancora il Senatore Bergesio, che conclude: "A fronte di una sinistra da sempre sostenitrice di un'immigrazione incontrollata perché bisognosa e di conseguenza, a loro parere, da accogliere a braccia aperte senza alcun tipo di limitazione o controllo, altrettanto da sempre la Lega chiede una giusta cautela e soprattutto condanne certe per i reati di cui queste persone si rendono colpevoli. Basta garantismo, ma pene certe ed espulsione per chi viene in Italia per delinquere. Con la Lega, sempre al fianco degli italiani".

Commenti