Facebook Twitter Youtube Feed RSS

Minaccia di morte colleghi universitari. Indagato un ventenne

13/04/2024 17:07

Minaccia di morte colleghi universitari. Indagato un ventenne 

La Polizia Postale di Torino ha denunciato per minacce aggravate un ventenne di origini orientali, frequentatore a Torino di corsi universitari avanzati, gravemente indiziato di aver utilizzato account di posta elettronica cifrati e altamente protettivi dell'anonimato del mittente, per inoltrare missive minatorie nei confronti di alcuni colleghi di corso.

Le intimidazioni, denunciate presso la Procura della Repubblica di Torino sia dalle vittime, sia da alcuni componenti dello staff dei corsi, erano state inoltrate a diverse caselle di posta elettronica di studenti, ovvero di alcuni responsabili della gestione dei corsi di studio, attaccando le vittime su tematiche professionali, arrivando a vere e proprie minacce di morte, paventando anche con l'eventuale assoldo di sicari.

Le indagini della Polizia Postale poste in essere per la ricerca dell'autore, focalizzate principalmente sulla platea dei frequentatori del corso, hanno fatto leva sia sulle informazioni ottenute dagli stessi studenti e dallo staff, sia sulla valorizzazione delle tracce informatiche disseminate nei metadati delle mail, il cui inoltro è proseguito finanche durante le attività investigative, fornendo preziosi elementi probatori agli agenti cibernetici.

Gli accertamenti sono proseguiti anche attraverso il supporto del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni, che ha avviato le necessarie attività di cooperazione internazionali, utili ad acquisire dal Provider straniero importanti elementi di prova circa i dati informatici relativi alle connessioni effettuate dall'autore delle mail di minacce.  

Raccolti tali elementi di prova univoci, la Procura di Torino ha delegato alla Polizia Postale l'esecuzione della perquisizione personale, locale e informatica a carico dell'indagato, la quale, nonostante la totale assenza di collaborazione del soggetto con gli organi inquirenti, ha consentito l'individuazione di elementi probatori a sostegno dell'impianto procedimentale, che è stato posto a disposizione dell'A.G. per le determinazioni di carattere processuale.

Solo alcuni giorni dopo l'esecuzione delle attività, sono pervenute ad alcuni degli account precedentemente attaccati dall'autore alcuni messaggi, anch'essi anonimi, ma questa volta di scuse per quanto accaduto nell'ultimo periodo.

Commenti