Facebook Twitter Youtube Feed RSS

Nell'area del nido delle cicogne "progetto sbagliato nel posto sbagliato" per il supermercato

01/04/2024 8:16

 "PROGETTO SBAGLIATO NEL POSTO SBAGLIATO"  nell'area del nido delle cicogne a Pinerolo. 

L’ intervento del consigliere comunale DARIO Mongiello nell'ultima seduta del Consiglio Comunale della città di Pinerolo, (guarda qui    https://www.vocepinerolese.it/video/2024-03-24/video-nuovo-supermercato-ex-setificio-vagnone-vogliono-fare-rotonda-problemi-25889

OGGETTO: VALUTAZIONI ULTERIORI SULL' EX SETIFICIO VAGNONE

Comunicato stampa

Il Coordinamento Associazioni Pinerolesi (acronimo C.A.P.), anche sulla base delle informazioni assunte nell’ ultima seduta del Consiglio Comunale della città di Pinerolo, (guarda qui    https://www.vocepinerolese.it/video/2024-03-24/video-nuovo-supermercato-ex-setificio-vagnone-vogliono-fare-rotonda-problemi-25889 ) mantiene la propria contrarietà alla realizzazione di una piattaforma commerciale nell’area dell’ex setificio Vagnone ricompresa tra gli assi viabili di stradale Fenestrelle, stradale Brigata Cagliari e stradale San Secondo.

Trattasi di una iniziativa privata sul cui iter procedurale, inoltre, auspichiamo siano svolte e documentate adeguate verifiche giacché, da parte nostra, sussistono forti perplessità.

Iniziativa a riguardo della quale non si riesce inoltre ad intravedere l’esistenza di un interesse pubblico e di una ricaduta positiva per la Comunità locale pinerolese: paventiamo che la realizzazione dell'ennesimo centro commerciale contribuirà invece ad aggravare ulteriormente la desertificazione (commerciale e non solo) del centro cittadino, fenomeno certamente indotto dai numerosi centri commerciali già esistenti, e ad alimentare ancor di più il traffico auto-veicolare che lo attraversa

L’area e gli edifici presenti, in alternativa, potrebbero certamente essere riconvertiti nella loro destinazione impiegandoli per fini artigianali e produttivi, ristrutturandoli senza la necessità di una loro demolizione quasi totale, imposta dalla necessità di posizionarvi l’ennesimo anonimo capannone commerciale, la presenza dei quali risulta già oggi particolarmente significativa sul territorio del comune di Pinerolo.

Non si comprende la pervicacia di parti dell’Amministrazione Comunale che continuano a sostenere un progetto che si palesa difficilmente compatibile con l’assetto urbanistico (per il quale è stata necessaria l’approvazione di una variante ad hoc del Piano regolatore vigente) e viabile della zona, già oggi interessata da un flusso di traffico particolarmente sostenuto in alcune fasce orarie, anche per la presenza di due forti poli di attrazione, quali l’ospedale ed il CUP.

Non solo: in quella stessa area si trovano a dover transitare anche i mezzi dei Vigili del Fuoco in uscita dalla vicina caserma: pare quindi evidente che un ulteriore incremento del traffico automobilistico gravante sulla zona possa avere ripercussioni anche a scapito dei tempi di intervento dei Vigili del Fuoco.

Stupisce inoltre l’idea di voler realizzare una nuova rotatoria all’incrocio tra le stradali Fenestrelle e San Secondo. Chiunque abbia una qualche minima competenza in campo viabile si può rendere conto che la rotatoria proposta risulterebbe decentrata a tal punto rispetto all’asse stradale da risultare inidonea a raggiungere l’obiettivo di un rallentamento dei veicoli, aumentando al contrario il rischio di incidenti stradali oltre a presentare un palese rischio di interferenza con la pista ciclabile.

Ciò fatta salva la dimostrazione che la rotatoria proposta all’intersezione di stradale Fenestrelle/stradale San Secondo ricada nella fattispecie di “opera di pubblica utilità”, ossia del conseguimento di un pubblico interesse che risulti prevalente sull’interesse privato. Questa appare infatti servire fondamentalmente ai soli proponenti la piattaforma commerciale, per agevolare le entrate/uscite nel e dal futuro parcheggio dalla stessa.

Insomma un PROGETTO SBAGLIATO posizionato nel POSTO SBAGLIATO.

Il sito risulta inoltre in parte vincolato ai sensi dell’articolo 142 del Decreto Legislativo 42/2004 e s.m.i. di conseguenza l’attuazione del progetto di una sua trasformazione in una piattaforma commerciale necessita di un’apposita autorizzazione paesaggistica che, per quanto noto, al momento non sussiste.

In ultimo, ma non certo in ordine di importanza, sembrerebbe “dimenticato” il progetto di realizzazione di alcuni posatoi per le cicogne quale compensazione per la distruzione del nido esistente, in conseguenza del previsto abbattimento della ciminiera ottocentesca del setificio.

Credendo fortemente nel progetto “Pinerolo città delle cicogne” sarà nostra cura rilanciarlo, confidando in un’analoga sensibilità da parte dell’ Amministrazione comunale della città di Pinerolo.

L'accordo, ribadito in diverse sedi, era il riposizionamento dell'esistente nido sulla sommità del nuovo simulacro di ciminiera da realizzarsi nel sito stesso, oltre ad alcuni posatoi esterni al sito in aree di proprietà comunale; chiediamo conferma del permanere di questi propositi.

Confidando in una opportuna riflessione da parte di coloro che dovranno esprimere un parere in materia, restiamo in attesa di un cortese riscontro e porgiamo cordiali saluti

CAP – Coordinamento delle Associazioni Pinerolesi

Nella foto l'incrocio tra stradale Fenestrelle e stradale San Secondo di Pinerolo.  A sinistra una parte dell'area ex setificio Vagnone dove c'è un nido delle cicogne sopra una ciminiera.

Commenti