Facebook Twitter Youtube Feed RSS

Volley A1 F. Unionvolley Villafranca P.te / Pinerolo: è playoff. Traguardo storico

24/03/2024 21:17

La Wash4Green Pinerolo si impone 3-0 sull’Itas Trentino conquistando i playoff

Villfranca Piemonte | 24 MARZO 2024 –

La Wash4Green Pinerolo centra l’obiettivo playoff vincendo con un secco 3-0 contro l’Itas Trentino. Un traguardo storico per la società piemontese che al suo secondo anno in A1 chiude la Regular Season in sesta posizione. Un piazzamento difeso con le unghie e con i denti che ha premiato la squadra di coach Marchiaro con un risultato incredibile. Nell’ultima gara di campionato Sorokaite e compagne ospitano la già retrocessa Trento che, dopo un primo set sottotono disputa una buona seconda metà di gara ma non sufficiente a riaprire i giochi. Polder è la Mvp del match (12 punti) in attacco lavora a meraviglia, così come la sua compagna di reparto Akrari (14) che a muro piazza 6 punti dei 10 di squadra. In doppia cifra anche Mason (10) e Storck (14). Moro in ricezione è una certezza, permette a Cambi di giostrare il gioco a suo piacimento regalando al pubblico del Pala Bus Company una vittoria importante. Tra le fila della squadra di Mazzanti l’unica in doppia cifra è Michieletto (12).

LA PARTITA

1 SET | Con Storck al servizio Pinerolo mette subito le distanze (6-1). Michieletto riporta palla nella metà campo trentina e dai nove metri accorcia (7-5). Cambi si affida a Polder il per cambio palla poi è Storck a firmare il punto dell’11-6. Shcherban non passa e Mazzanti decide di fermare il gioco (13-7). La Wash4Green spinge sull’acceleratore, Akrari e Storck sono brave a mettere in difficoltà la ricezione ospite che fatica in ogni fondamentale (19-9). È un monologo delle piemontesi che chiudono 25-14.

2 SET | Troppi errori ad inizio secondo set per la formazione di casa che regala il doppio vantaggio a Trento (3-5). Pinerolo insegue poi con Polder in fast e Sorokaite trova il break della parità (8-8). Akrari mette a terra il pallone del sorpasso ma l’Itas non molla, sfrutta ancora qualche errore delle biancoblù per riportare il punteggio in parità (14-14). Si procede punto a punto poi Akrari a muro fa la voce grossa e porta le sue a +4 (22-18). Trento si rifà sotto nel finale, annulla tre palle set (24-24) ma la Wash4Green è brava a riprendere palla con Mason e chiudere 26-24 con Sorokaite.

3 SET | Parte bene Trento, Michieletto attacca poi dai nove metri tiene bene il servizio (3-7). Pinerolo accorcia con Akrari in attacco e Storck a muro su Acosta (7-9). L’Itas difende il vantaggio poi a metà set prova a scappare via (14-18) costringendo Marchiaro a fermare il gioco. Akrari ferma Acosta e conquista il cambio palla poi Cambi al servizio incalza ed è 18-18. Trento cede il passo ad una Wash4Green più determinata, è Sorokaite a chiudere con un ace 25-14.

SALA STAMPA

Tessa Polder MVP (Wash4Green Pinerolo): “Non è stato per niente facile ma è stata una grande vittoria per noi e un grande risultato raggiunto. Non è stata neanche una stagione facile ma sono orgogliosa del gruppo. Dopo questa vittoria festeggeremo sicuramente poi penseremo ai playoff”.

Gaia Moretto (Itas Trentino): “Credo che sia difficile fare un bilancio adesso. Tutti si devono prendere delle responsabilità, sappiamo solo noi cosa abbiamo passato e le nostre difficoltà. Va fatto un plauso a chi ha fatto meglio di noi ma nessuna stagione va buttata, noi portiamo a casa una lezione importante sulla serie A1. Questa società non molla e vuole ripartire forte”. 

IL TABELLINO

WASH4GREEN PINEROLO-ITAS TRENTINO 3-0

(25/14, 26/24, 25/14)

WASH4GREEN PINEROLO: Sorokaite 7, Cambi 6, Polder 12, Storck 14, Mason 10, Akrari 14, Moro (L). Non entrate: Cosi, Nemeth, Camera, Bernasconi, Di Mario (L). All. Marchiaro.

ITAS TRENTINO: Shcherban 1, Michieletto 12, Marconato 9, Stocco 1, Dehoog 3, Moretto 2, Parlangeli (L), Acosta 6, Angelina 1, Scholten 2, Guiducci, Mistretta (L). Non entrate: Olivotto, Passaro. All. Mazzanti.

ARBITRI: Santoro Angelo, Cappello Gianluca. 

NOTE | Spettatori: 1310. Durata set: 21’, 29’, 27’. Tot 77’. MVP: Tessa Polder.

Commenti