Facebook Twitter Youtube Feed RSS

Notte delle Muse: mostra “Sottopelle” con L. Storero J. Angelini e D. Ciravegna. Pinerolo

26/08/2021 10:18

Notte delle Muse: mostra “Sottopelle” con Luca Storero Joel Angelini e Donatella Ciravegna. Pinerolo

 

Nell’ambito dell’evento Notte delle Muse edizione 2021 l’associazione culturale En Plein Air arte contemporanea di Pinerolo partecipa con la mostra “Sottopelle” che avrà luogo presso la chiesa di Sant’Agostino di Pinerolo. Tre le opere di Luca Storero pittura, Joel Angelini scultura, Donatella Ciravegna perfomer, artisti diversi ma complementari nei messaggi e riflessioni che pongono particolare attenzione al rapporto uomo/natura e salvaguardia dell’ambiente.  Il progetto è di Elena Privitera, Luca Storero, Mauro Comba, Marco Filippa. Luca Storero propone una serie di opere dal titolo Bio- Diversità. Lavori ultimi del suo percorso artistico, ci parla di ricordi, di paesaggi e di un mondo animale che si rincorrono in 12 sagome, come in un ritornello appassionante che ritorna sempre alla nota iniziale… E così facendo Luca ci circonda e ci invita ad immergerci nei suoi panorami accattivanti, in una logica quasi matematica e al di là delle paure, ansie e tempi strani, siamo circondati da tanta bellezza, viviamola.  Oltre a questi messaggi evocativi, pensiamo utile e facilmente sinergico con il lavoro di Luca, quanto possa influire l’installazione di Joel Angelini. Artista pinerolese dalla forte capacità comunicativa, timida ma veritiera e mai contestabile, installa un albero al centro della chiesa. Un totem di ferro, ferro poiché l’anima della natura che ci appartiene ha perso la sua originale finalità: stiamo sperperando un patrimonio immenso di cui dovremo rendere conto alle future generazioni? Il suo albero denuncia ci parla, forse ci urla, Ferro, anche metafora di una natura che nonostante tutto resiste, ci nutre ci respira accanto, abbiamone cura.   Il lavoro performativo di Donatella Ciravegna, curato da Marco Filippa, potremmo definirlo fashion introspettivo, come lo fu la pittura per Frida Kahlo. Ogni minuto trentamila cellule muoiono e la nostra epidermide cambia completamente ogni mese: l’abito/pelle/io è la chiave del suo lavoro (complesso vissuto umano), documentato con performance, video e fotografie. Per l’occasione l’artista ci proporrà una performance concepita come una passerella di una sfilata di moda, con una colonna sonora felliniana. Ogni cambio d’abito corrisponde a una rinascita, nelle continue trasformazioni che viviamo, fluttuando tra la veglia e il sonno, tra l’apparente consapevolezza diurna e il sogno. Donatella ci regalerà una serie di performance nelle domeniche, 5 e 12 settembre, dalle ore 18 mentre alcune performance video documenteranno il suo lavoro per tutta la durata dell’esposizione.  L’ En Plein Air con questa mostra rinnova al pubblico la sua lunga esperienza, 27 anni, vissuti in armonia con l’arte e la creatività artistica, con una particolare attenzione alla vita nelle sue molteplici sfaccettature.  L’inaugurazione sarà sabato 4 settembre ore 17,30 e sarà aperta fino al 30 settembre.

Nella foto alcune opere di Luca Storero pittura, Joel Angelini scultura, e Donatella Ciravegna perfomer

 

 

 

Commenti