Facebook Twitter Youtube Feed RSS

Il maiale di Bricherasio e gli animali da allevamento senza identificativi.

02/08/2020 8:52

Buon giorno, Le scrivo in merito all'articolo apparso su L'Eco del Chisone del 22 luglio in Cronaca Val Pellice, che riportava il ritrovamento a Bricherasio di un suino di un quintale e mezzo.

A parte lo stupore per l'insolito rinvenimento, dettato anche dal taglio scherzoso del pezzo, mi sono sorte alcune domande che vorrei prendeste in considerazione. 
Non sono un'esperta di animali da macello, ma presumo che un suino di quella dimensione valga una cifra considerevole per un allevatore. Il suddetto allevatore avrebbe quindi dovuto reclamare la proprietà dei futuri salami, dimostrando la stessa dalla documentazione in suo possesso che dovrebbe coincidere con i sigilli apposti sull'animale... 
Quindi la bestia dovrebbe essere registrata. Ipotizzando che non ci sia un registro che consente di risalire al proprietario partendo dal maiale, mi chiedo a cosa serva la marcatura delle bestie. 
Se invece il suino vagante era privo di identificativi, più che la battuta umoristica sul fatto che in valle si perda di tutto, mi sarei piuttosto chiesta da dove arrivava l'animale. 
Perché da qualche parte stava prima di vagare libero in borgata Cuccia... 
E di questi tempi, dove periodicamente la stampa ci ricorda dei pericoli legati agli allevamenti, potenziali incubatori di virus letali che abbiamo avuto modo di conoscere in questo infausto anno, di trichellosi già rilevata in Val Susa, di capi contaminati dalla peste suina provenienti dall'estero per cui Coldiretti chiede la tracciabilità... un maiale vagante sembra una bomba biologica ad orologeria.
Chi alleva senza controllo? 
Chi macella e dove finiscono le carni di questi capi? 
Quanti altri allevatori amatoriali, o abusivi, ci sono in Val Pellice? 
 
Perché a far due passi in collina a Bricherasio di pecore, capre e maiali se ne vedono parecchi... spesso senza alcun orecchino. 
 
Ringraziandola per l'attenzione posta a questa mia, le auguro una buona giornata. 
 
Elisa Bianciotto 

Commenti