Facebook Twitter Youtube Feed RSS

Attività addestrativa Squadra S.A.P.R.Corpo Militare Speciale Ausiliario dell’E. I. Pinerolo

08/07/2019 9:19
Sabato 6 Luglio presso l’Area addestrativa militare di Baudenasca (Pinerolo) si è svolta  una importante attività addestrativa organizzata dalla Squadra S.A.P.R. del Corpo Militare Speciale Ausiliario dell’Esercito Italiano A.C.I.S.M.O.M. che ha curato la 
formazione sanitaria a favore di 24 piloti civili di droni, normalmente impegnati nella  ricerca dall’alto di persone disperse mediante l’utilizzo di aeromobili a pilotaggio 
remoto.
La prima parte della giornata è stata dedicata alla formazione sanitaria del personale 
sulle tecniche di primo soccorso. Il personale sanitario della Squadra S.A.P.R. (Sistemi 
Aeromobili a Pilotaggio Remoto) ha illustrato le tecniche di immobilizzazione di 
traumi agli arti e alla colonna vertebrale, nonché il trattamento delle lesioni arteriose 
e venose agli arti.
Per testare le capacità dei piloti e far loro acquisire le competenze del progetto 
sanitario, sono stati ricostruiti due scenari d’intervento complessi riguardanti la 
ricerca aerea di persone disperse. 
Il primo scenario ha riguardato la ricerca di una persona scomparsa all’interno di una 
fitta vegetazione boschiva, successivamente ritrovata mediante l’utilizzo di 
aeromobili a pilotaggio remoto dotati anche di termocamera. A seguito del 
ritrovamento del disperso in un dirupo, il personale sanitario della Squadra S.A.P.R. è 
intervenuto mostrando ai presenti le giuste tecniche da adottare per l’avvicinamento 
e la messa in sicurezza del ferito in attesa dell’arrivo dell’elicottero di soccorso.
Il secondo scenario simulato ha visto coinvolta una persona scomparsa e 
successivamente ritrovata nell’alveo del Torrente Chisone in una zona ricca di 
vegetazione e dove vi erano detriti di grandi dimensioni. 
Significativa è la presenza sul nostro territorio della Squadra S.A.P.R. che si occupa
principalmente di monitoraggi aerei a seguito di calamità naturali e ricerca di persone 
disperse.
Da Gennaio 2019 la Squadra ha effettuato ricognizioni aeree su gran parte del 
territorio nazionale a seguito delle calamità naturali che si sono verificate.

Commenti