Facebook Twitter Youtube Feed RSS

Europa League. Al Toro manca il gol

28/11/2014 9:26

Di Antonio Chiera

 

TABELLINO di TORINO - CLUB BRUGES = 0-0

 

Torino (3-5-2): Padelli; Darmian, Bovo, Jansson, Moretti, Molinaro; Benassi (78’ Vives), Gazzi, El Kaddouri; Amauri, Martinez (88’ Larrondo). A disp. Gillet, Glik, Maksimovic, Sanchez Mino, Quagliarella. All.: G. Ventura.

 

Club Bruges (4-3-3): Ryan; Meunier, Duarte, Mechele, De Bock; G. Silva (63’ Vormer), Simons, Vàzquez (63' Refaelon), Gedoz, Fernando, Castillo (88’ De Sutter). A disp. Dioudis, De Fauw, Izquierdo, Storm. All.: M. Preud'homme.

 

Arbitro: Bas Nijhuis Olanda

 

Note – Ammoniti: Benassi, Moretti, Castillo, Gazzi, De Bock, Jansson, Mechele, Molinaro. Recupero: 1+4

 

LE STATISTICHE UEFA

 

Il Club Bruges ha fermato il Torino sullo 0-0 alla prima giornata mettendo fine a una striscia di cinque anni di sole sconfitte contro squadre italiane. Il Bruges ha perso entrambe le precedenti partite disputate a Torino per 1-0 contro la Juventus. Il Torino non ha mai perso in cinque incontri con squadre belghe (tre vittorie e due pareggi). Il Torino ha vinto tutte e quattro le gare europee giocate in casa questa stagione senza subire gol; il Club Bruges ha vinto tutte le trasferte, subendo una sola rete.

 

Il centrocampista israeliano del Club Bruges Lior Rafaelov giocherà la sua 50esima gara in competizioni UEFA scendendo in campo a Torino. Ha segnato la sua prima tripletta a livello UEFA alla quarta giornata contro il Copenhagen.

Il difensore del Torino Emiliano Moretti questa sera è alla sua 50esima presenza in competizioni UEFA. Il Torino ha due giocatori provenienti dal Belgio. Il nove volte nazionale  Jean François Gillet gioca in Italia da quando ha lasciato la squadra che l’ha lanciato, lo Standard de Liège, nel 1999. Anche il centrocampista Omar El Kaddouri è nato in Belgio ed è cresciuto nelle giovanili dell’Anderlecht.

 

PRESENTAZIONE 

 

Nonostante manchino ancora due turni al termine della fase a gironi di questa Europa League 2014/15, (questo compreso), alcune squadre sono già certe della qualificazione alla fase eliminatoria.

 

Altre, loro malgrado, sanno già di dover abbandonare la seconda competizione per importanza europea. 

 

Partiamo dalle italiane: 

 

Solo la Fiorentina è già sicura di essere fra le migliori 32 d'Europa League, all'Inter basta un punto con il Dnipro, se il Napoli batte lo Sparta a Praga è sicuro della qualificazione e del primo posto.

 

Mentre il Torino si gioca i sedicesimi nello scontro diretto con il Club Bruges, primo nel Gruppo B con un punto in più dei granata. 

 

Dovrà rifarsi delle ultime brutte prestazione e avrà modo di rinsaldare il rapporto coi tifosi in casa con il Brugge in Europa League. In caso di vittoria i granata salirebbero a quota dieci e sarebbero matematicamente promossi alla fase ad eliminazione diretta. 

 

Il Brugge però è un osso duro e ieri in conferenza stampa di presentazione Michel Preud'homme ha detto che venderà cara la pelle. 

 

Ventura & C. vogliono sorprendere tutti, conquistando una inaspettata, alla vigilia della fase a  gironi, qualificazione al prossimo turno.

 

LA CRONACA DELLA PARTITA 

Primi minuti come la solito servono alle due squadre per l'assestamento in campo. Sono i granata comunque a partire a razzo. Il folletto di Martinez sembra in palla come tutte le volte in cui è stato schierato, ma la troppa velocità lo porta gia ben due volte a conclusioni che non preoccupano la difesa belga. Buon Torino in questi primi minuti di gioco, la formazione di Ventura alterna la manovra avvolgente ad improvvise verticalizzazioni. Si lotta molto a centrocampo, le due squadre non si sbilanciano troppo. Minuto 21' CLUB BRUGGE VICINO AL GOAL! Cross teso di De Bock dalla sinistra, Castillo anticipa Jansson ma non riesce a trovare la zampata decisiva a due passi da Padelli. 23' SFIORA IL PALO VAZQUEZ! Destro potente a giro dello spagnolo, che sfiora il palo alla sinistra di Padelli. TORINO vicinissimo al vantaggio. 26' MIRACOLO DI RYAN!! Martinez scambia benissimo e si presenta tutto solo davanti a Ryan, che devia in angolo il destro incrocaito del venezuelano con un grandissimo riflesso. 

Siamo arrivati alla mezz'ora di gioco, il Torino cerca le ripartenze molto spesso la profondità dei due attaccanti. Minuto 36' Azione in mischia nell'area del Club Brugge, la difesa ospite si salva sul tentativo di Benassi. 40' OCCASIONE PER IL TORINO! Sugli sviluppi di un calcio d'angolo Martinez devia di testa sul primo palo, ma non trova lo specchio della porta. Subito dopo ci prova EL KADDOURI destro a giro del centrocampista di Ventura, la palla rimbalza a terra ma non sorprende un ottimo Ryan. 45+1'. Finisce qua il primo tempo dell'Olimpico, squadre al riposo con reti inviolate. Match molto equilibrato, con poche occasioni da una parte e dall'altra. 

RIPRESA:

Al rientro dagli spogliatoi non si registrano cambi. Anche la ripresa parla granata. Minuto 57' CHE OCCASIONE PER IL TORINO! El Kaddouri semina il panico saltando un paio di avversari, poi tenta il sinistro incrociato, ma Ryan si supera con un grande intervento. Al 58' ANCORA RYAN!! Cross in area per Martinez, che conclude da distanza ravvicinata, ma il portiere australiano questa sera sembra insuperabile! Il Brugge respira dopo qualche minuto di assedio da parte della squadra di Ventura. Minuto 65' ci prova BENASSI. Botta violenta del centrocampista granata, la palla è poco angolata ma Ryan si fa trovare ancora pronto in angolo. Meno di 10 minuti più recupero alla fine senza emozioni. Gli ultimi minuti solo però tutti da vivere. Minuto 87' ALTRA OCCASIONE PER IL TORINO! Darmian raccoglie palla a pochi metri dalla porta avversaria ma sfiora il palo con un destro rasoterra poco preciso. Dominio granata. Minuto 89' INCREDIBILE RYAN!! Larrondo stacca bene di testa alla prima palla toccata, ma il portiere australiano compie l'ennesimo miracolo. Pazzesca prestazione dell'estremo difensore del Club Brugge. 90+5' FINISCE QUA! Il Torino pareggia 0-0 contro il Brugge e rinvia il discorso qualificazione all'ultima giornata del gruppo B. Tante clamorose palle-goal per la formazione di Ventura, che trova sulla sua strada una mostruosa prestazione del portiere Ryan. 

 

COMMENTO FINALE

Aver prodotto sei angoli ad uno nel primo tempo, e non aver quasi mai azzeccato un buon traversone la dice tutta sui limiti della squadra di Ventura. Non è mancato certamente l'impegno di Martinez, Darmian, Benassi ed El Kaddouri con quest'ultimo che ha offerto una prova da vero leadir, questi giocatori alla fine sono stati i più bravi ad impensierire fino all'ultimo la squadra di Preud'homme. Veramente un peccato non aver centrato le tantissime occasioni per passare in vantaggio. Purtroppo i ragazzi di Ventura sulla sua strada hanno incontrato il portiere australiano Ryan insuperabile. Il nuovo "canguro" simbolo dell'Australia e del calcio belga, e da stasera forse anche Europeo, in assolto il migliore in campo.

 

LE DICHIARAZIONI DI MARTINEZ ed EL KADDOURI 

 

MARTINEZ: 

Certo che trovare ogni partita un portiere cosi bravo e dura segnare: 

" Stasera ha fatto la partita migliore della sua carriera probabilmente. A fine partita gli ho parlato e gli ho fatto i complimenti. D'altra parte quello di parare è il suo lavoro e purtroppo stasera l'ha fatto molto bene. Speriamo di fare meglio noi attaccanti nelle prossime partite".

 

Anche questa sera hai dato tutto, quale pensi che sia stata la parata più difficile:

" sono contento della prestazione, purtroppo, il portiere ha fatto bene, ha parato tutto. Sulla mia parata e quella di Larrondo forse le migliori, ma dovete chiederlo a lui"

 

EL KADDOURI qui nella foto

Questa sera avete dimostrato di esserci, questo cambiamento a che cosa è dovuto:

"Penso che questa sera, abbiamo dimostrato di non essere una squadra di brocchi, si dice cosi!!! E ride... abbiamo fatto vedere che noi ci siamo, che non c'è questa grande differenza come l'anno scorso, come pensano loro (riferito ai tifosi). Oggi ci ha fatto piacere sentire i loro applausi durante e a fine partita sono stati sempre con noi dandoci una forza incredibile"

 

OMAR il portiere con le sue parate è stato incredibile, è stata una sorpresa anche per voi:

 

"No. Io seguo il campionato belga e dicono che è un fenomeno, quindi oggi si è visto proprio. A 22 anni giovane con buone prospettive. Prima della partita ho parlato con un mio ex compagno e mi ha confermato che è un portiere fortissimo. Infatti oggi ha fatto delle parate importanti. Bravo lui e peccato per noi perché penso che meritavamo la vittoria, ci avrebbe fatto molto bene. Rimaniamo comunque con la prestazione che è positiva"

 

Questa sera hai dimostrato di essere un giocatore di talento, come giudichi la tua prestazione:

 

" Sono soddisfatto anche se bisogna continuare su questi ritmi. So di non aver iniziato bene il campionato, però ho sempre continuato a lavorare, anche il mister mi ha dato sempre fiducia, mi ha aiutato e piano piano sto tornando ai miei livelli"

 

OMAR discorso qualificazione ancora aperto. Ma quanto rammarico c'è non averla chiusa:

 

" La partita di Helsinki è stato un passo falso, magari un pochino di rammarico c'è questa sera, perché se avessimo fatto risultato li eravamo già qualificati. Però il nostro destino è ancora nelle nostre mani. Dipende tutto da noi."

 

OMAR DOMENICA IL DERBY, visto quello che è successo l'anno scorso, l'ottima prova di questa sera descrivici il tuo approccio:

 

" Ci arriviamo carichi perché il derby si deve giocare con una voglia incredibile, penso che ogni giocatore non abbia bisogno di discorsi per essere motivato per una partita del genere. Quindi noi dovremmo giocare con la stessa concentrazione dell'anno scorso. Sappiamo che l'anno scorso la partita si è giocatz sumxei dettagli, e magari chi sa!! Non si sa mai cosa possa succedere in un derby, noi ci arriviamo sereni. Sappiamo che giochiamo in casa loro, ma sappiamo anche che se giochiamo ai nostri livelli possiamo far male anche alla Juve."

 

Mister Giampiero VENTURA 

"Risultato fasullo. C’è da alzare le mani di fronte a una prestazione come quella offerta dal portiere avversario. Ci rimane la soddisfazione di aver giocato davvero una grande partita. Non vinciamo un derby da 15 gare? Non ci avevo ancora pensato: noi domenica ce la metteremo tutta, chissà che, per la legge dei grandi numeri..."

 

IL MIGLIORE - Matthew RYAN 

Neanche a dirlo. Perchè se fermi 9 nitide palle-gol avversarie, non puoi che essere, al triplice fischio, il migliore di tutti.

 

IL PEGGIORE - AMAURI 

Pur Lottando su ogni pallone, è molto generoso nei ripiegamenti, è vero, ma non riesce mai ad essere determinante là davanti, ad essere al posto giusto, al momento giusto, e per lui che è un bomber... per ora è insufficiente.

 

DISCORSO QUALIFICAZIONE 

Purtroppo questa sera i granata si scontrano contro la saracinesca Ryan e non riescono a trovare i 3 punti qualificazione. 

L'HJK Helsinki, infatti, vince in extremis sui danesi e rientra incredibilmente in corsa per il passaggio ai sedicesimi di finale.

Potrebbero però diventare quattro su quattro le squadre italiane ai sedicesimi di finale di Europa League 2014-2015. C'è in corsa anche il Torino che, grazie allo 0 a 0 maturato questa sera, mantiene il secondo posto nel Gruppo B. 

 

I granata ora per passare il turno, indipendentemente dal risultato di Bruges-HJK, dovranno conquistare almeno un punto alla sesta giornata in trasferta contro il Copenaghen. 

 

ARTICOLO CORRELATO

 

Toro: aspettando il Brugge | Voce Pinerolese - http://www.vocepinerolese.it/articoli/2014-11-26/toro-aspettando-brugge

Commenti