Facebook Twitter Youtube Feed RSS

Derby Juve - Toro Primavera. Vincono i bianconeri

22/11/2014 15:00

Di Antonio Chiera

 

Oggi il derby Juventus-Torino, per la decima giornata del Campionato Primavera 2015, antipasto e attesissimo match, in attesa della sfida tra i grandi di domenica prossima...

 

CAMPIONATO PRIMAVERA JUVENTUS Vs Torino: 2 a 1 = Reti di: 3' Clemenza, 26' Morra, 40' Buenacasa

 

Ammoniti: Rosso, Vitale, Troiani, 

 

Sostituzioni: 

Per il Torino esce Monni per Edera 16' s.t. 40' entra Trani per Troiani, esce Thiao per Lescano

Per la Juventus entra Udoh esce Bnou-Marzouk 16 s.t.

 

LE FORMAZIONI:

 

JUVENTUS 4-4-2: 

Audero; Roussos, De Biasi, Pellini, Parodi, Blanco Moreno, Macek, Vitale, Bnou-Marzouk, Clemenza, Donis

A disp. Volpe, Rizzo, Hromada, Varga, Sakor, Kastanos, Buenacasa, Soumah, Udoh, Mestre, Granatiero, Muratore

Allenatore Fabio Grosso

 

TORINO 4-2-4: 

Zaccagno; Troiani, Bonifazi, Fissore, Montefalcone; Graziano, Thiao; Monni, Morra, Lescano, Rosso

A disp. Lentini, Dalmasso, Mantovani, Procopio, Lenoci, Proia, Debeljuh, Trani, Edera, Tahiraj, Bambino, Silipo

Allenatore Moreno Longo

 

Arbitro: Massimi di Termoli - Rizzatto e Rossini gli assistenti.

 

PRESETAZIONE - 

 

In classifica troviamo al comando Fiorentina e Torino con 23 punti conquistati nelle prime nove giornate di campionato, mentre la Juventus è settima a quota 13 punti, gli stessi della Pro Vercelli, a cinque punti dallo Spezia, che attualmente occupa la terza posizione, quarta la Samp con 16 punti. 

 

In casa la Juve su quattro partite disputate ha perso una sola volta, vincendo le altre tre gare, mentre il Torino in trasferta ha vinto tre volte pareggiando in un'occasione. 

 

La Primavera del Torino, così come la Fiorentina, non ha ancora perso una partita da questo inizio di stagione. 

 

I granata hanno il secondo miglior attacco del girone con 23 reti le stesse segnate dall'attacco dello Spezia, vera sorpresa fin qui del campionato, e la seconda miglior difesa con soli nove gol subiti, hanno fatto meglio soltanto Fiorentina e Pro Vercelli, che hanno incassato fin qui otto reti. 

 

Se la Juventus Primavera vuole rientrare in corsa per le prime due posizioni deve vincere il derby di oggi ma non sarà semplice per i bianconeri superare i ragazzi di mister Moreno Longo, arrivati ricordiamo secondi nelle Final Eight 2014 perdendo in finale contro il Chievo solo ai rigori. 

 

Fabio Grosso non è partito benissimo, nonostante lo scorso anno avesse raddrizzato la stagione bianconera dopo essere subentrato a Zanchetta ed una sconfitta nel derby contro il Torino potrebbe risultare fatale allo stesso allenatore della Juventus.

 

LA PARTITA - 

Partenza forte e contratta per entrambi le squadre. Tensione che si fa sentire subito. La difesa granata lo paga con un errore, dove arriva libero in area il mediano bianconero Clemenza, e dopo solo 3' minuti di gioco la Juventus si trova in vantaggio.

I ragazzi di Mister Longo sentono di più la partita. L'assestamento in campo per ora, vede meglio i padroni di casa, in sofferenza gli ospiti. Intanto anche sugli spalti la tensione sale. Qualche tafferuglio tra tifosi richiama le forze dell'ordine presenti, che intervenuti riportano la calma sugli spalti.

Torino che soffre, sembra poco lucido, le ripartenze della Juventus per ora sembrano avere la meglio. Il solo tiro di testa di Fissore è troppo poco per i granata che conosciamo. 

Su calcio d'angolo a favore della Juventus, i bianconeri sbagliano, e così i granata ripartono in modo fantastico con Rosso che serve Morra che ristabilisce la parità.

Il Toro fa il Toro. Simone Rosso sempre lui, su contropiede si mangia il vantaggio ipnotizzato dall'estremo difensore Audero che con la mano intercetta il tiro del granata e manda in angolo. Solo Torino in questo finale. Al 33' su calcio piazzato bene eseguito porta di nuovo Simone Rosso ad un metro dalla parta bianconera, ma è Audero che salva sulla linea di porta. Torino ora che è padrone assoluto del campo, ma i primi 20 minuti sono da dimenticare.

Il Toro è partito male, ma ha saputo rialzarsi subito dopo il gol. Pareggio che sta stretto ai granata, almeno in due occasioni avrebbero meritato il gol, ma un grande Audero salva la Juventus che con Clemenza sono i migliori. Longo può dire di avere in squadra due grandi giocatori per la grande personalità fin qui vista Morra e Rosso su tutti. Sul finale manca un rigore netto alla Juventus non fischiato dal direttore di gara.

RIPRESA:

Questa volta è il Torino a partire bene. Rosso fa letteralmente impazzire la retroguardia della Juventus che, per fermarlo commettono fallo. Gli ospiti si affacciamo dalle parti di Zaccagno con Bnou-Marzouk, che sbaglia il tiro nello specchio della porta. Le conclusioni in porta scarseggiano per ora, tra le linee non c'è intesa perfetta per entrambe le squadre, e cosi si assiste a tante pipartenze che poi si fermano con il solito fallo tattico. Da notare che la conduzione del direttore di gara e all'inglese, lasciando correre su alcuni falli che meriterebbero ben altro.

I ritmi sono calati di brutto, ora bisogna vedere se le squadre si accontentano del pareggio. Se non fosse cosi, i ritmi dovrebbero decisamente alzarsi. La cronaca per il momento scarseggia. Al 30' un bel lancio di Troiani dalla tre quarti su Simone Rosso, che in area controlla il pallone e tira verso lo specchio della porta della Juventus, ma ancora una volta è l'estremo difensore a dire no. Vantaggio sprecato. Subito dopo è Zaccagno che dice no a Clemenza. Parata plastica quella effettuata dall'estremo granata. Sul finale Buenacasa porta in vantaggio la Juventus su un cross che sembrava poter essere controllato dalla difesa del Torino. Non Succede praticamente niente fino alla fine. Il Torino ha chiuso la partita nella propria meta campo, non sapendo più reagire. Uno stop inaspettato, dopo quanto è stato prodotto. Ma che ci sta.

 

COMMENTO FINALE -

Il Torino arriva a casa Juventus da primo della classe, i 10 punti in classifica dicono tutto. Sul campo però i primi 20 minuti sono tutti di marca bianconera. Il gol del vantaggio Juventino arriva su errore dei granata. I vice campioni d'Italia non ci stanno. I ragazzi di Longo allora si rialzano e concludono in crescendo. Morra e Rosso sono stati il moto perpetuo granata, che raggiunto il pareggio, avrebbero meritato il vantaggio. Audero in due occasioni salva la Juventus.

Risultato alla fine giusto, anche se forse ai punti avrebbe meritato il Torino. Le ottime parate di Audero dicono che è stato il Toro a far la partita. Ma questo non è stato sufficiente, se poi si pensa che nel finale arriva il vantaggio della Juventus.

Alla fine chi vince, si dice che ha sempre ragione...

 

LA PAROLA AL MISTER - 

 

LONGO:

" Rammarico è quello di non portare a casa il risultato, noi abbiamo giocato per vincerlo questo derby, dispiace abbiamo creato ma non capitalizzato, Brucia perdere ma il campionato e lungo. Complimenti a loro."

GROSSO:

"Abbiamo giocato come giochiamo sempre, abbiamo sofferto insieme fino alla fine abbiamo raccolto un risultato che fa bene."

Commenti