Facebook Twitter Youtube Feed RSS

Valpe in Finale. Il pensiero della super tifosa.

17/03/2013 18:32

E' fatta....la seconda finale lo stesso anno, stasera è sato emozionante, vissuta, combattuta, giocata fino alla fine.

Onore al Cortina che ha combattuto fino alla fine senza concedere nulla, ed alla fine di un match incredibile, i giocatori hanno sportivamente salutato il pubblico in delirio per il risultato.

Lo stadio era gremito, la curva filatoio ha sostenuto la squadra incessantemente coadiuvata comunque anche dalle tribune.

Stasera abbiamo visto una bella partita con un ritmo incalzante da ambo le parti, alcune  "sviste"arbitrali logicamente mai a nostro favore, e anche qualche attimo di sofferenza soprattutto dopo la seconda rete del Cortina.

Ma andiamo con ordine, il primo tempo è stato veramente molto combattuto ed i tiri in porta, soprattutto da parte dei padroni di casa, si sono susseguiti,poi finalmente al minuto 4.31 Aquino segna la prima rete per noi,

chi ben comincia......

Si insiste, si combatte, si prova a cogliere in fallo i portieri di entrambe le formazioni,ma si va negli spogliatoi su un parziale di 1 a 0 per i Bulldogs.

Sono passati meno di tre minuti dal ritorno sul ghiaccio delle squadre ed è la volta di Dupont per esultare al 22.59.

Ma il Cortina è tenace e sa che stasera è l'ultima chance per provare ad andare avanti infatti a 33.22 Dingle riesce a bucare la porta di Parise ( il Cortina era addirittura in inferiorità numerica ) e riaccende la speranza della propria squadra. Parziale del periodo Valpe 2 Cortina 1.

Rimangono ancora venti lunghissimi minuti da giocare, in cui soffrire ed esultare alternativamente. Gli ospiti lottano e anche se arriva la rete del 3 a 1 per noi ad opera del nostro top scorer Sirianni a 48.02, non mollano.

Al minuto 51.33 la nostra terza linea ci regala un bellissimo gol di Canale (assist di Pozzi ) e potrebbe sembrare di aver chiuso la partita, ma a poco più di cinque minuti dalla sirena arriva la seconda rete del Cortina .Per noi sono stati veramente cinque minuti interminabili, doppia inferiorità numerica per oltre un minuto e mezzo, quindi quando mancano 2.31, Levasseur lascia il posto all'uomo in più e si combatte senza pietà, noi dobbiamo difendere il risultato a tutti i costi e gli ospiti vogliono ancora crederci......

Ma è finita e lo stadio esplode, come diceva uno striscione " HABEMUS FINALEM".

Ed ora appuntamento a martedì qui a Torre Pellice per la prima partita contro l'Asiago.

Ragazzi in bocca al lupo e continuate a farci sognare.

Foto Gill&Mon

                                                                                                                                                            D.D.

Commenti