Facebook Twitter Youtube Feed RSS

NOIOSO… A CHI?

12/03/2013 23:17

Oltre 50 persone hanno partecipato, domenica 10 marzo, alla prima giornata di visite speciali con spettacolo itinerante proposte presso il bene Fai Castello di Masino, a Caravino (To).
Un ottimo esordio per la rassegna di visite teatrali “Noioso…a chi?”, proposta dal Dipartimento Educazione del Castello di Masino e da “Associazionedidee”, in collaborazione con l’associazione culturale “Su la Maschera”, che si propone di avvicinare adulti, famiglie e ragazzi alla storia del castello in maniera coinvolgente e divertente. Il progetto è un’esperienza basata sui principi dell’ “edutaiment”: una forma di intrattenimento finalizzata a “far conoscere divertendo”.
Le visite teatralizzate rientrano nell’ampia programmazione di eventi che il castello di Masino propone al pubblico di ogni età, posizionandosi, a livello regionale e nazionale, come un contenitore dai mille volti e dalle iniziative sempre nuove, diverse ed inedite. Oltre ai molti momenti educativi pensati per i bambini e i ragazzi in età scolare, la storica residenza diventa così sempre più un “museo vivo” e capace di dialogare con il tempo presente.
Annalisa Perino, Claudio Callegari e Franco Bertuzzi, attori dell’associazione “Su la Maschera”, già attivi presso il castello con numerosi percorsi teatrali riservati alle scuole, si alternano coinvolgendo il pubblico in curiose situazioni, fortuiti disguidi e cambiamenti di programma “a sorpresa”. Due i percorsi di visita che si snodano nell’arco di 45 minuti di puro divertimento durante i quali si apprendono anche storia, curiosità e vicende della ricca residenza Valperga sotto una luce del tutto nuova ed inedita.
Le prossime date già fissate per “Noioso…a chi?” sono il 14 aprile, il 12 maggio, il 9 giugno ed il 14 luglio.
Lo spettacolo verrà proposto alle 14 ed alle 16 circa.

La prenotazione al numero 0125-778100 è caldamente consigliata visto il numero ridotto dei posti disponibili. Il costo del biglietto è di 10 euro per gli adulti, 7 per i bambini e 5 per gli aderenti Fai.

Commenti