Facebook Twitter Youtube Feed RSS

Insultare un vigile urbano non è reato se ha già fatto la multa.

13/06/2012 8:52

A Pinerolo si può insultare, mandare a “fanc...” un Vigile Urbano e avere la soddisfazione di essere assolti dal giudice.  E’ quanto è emerso da una sentenza del giudice del Tribunale di Pinerolo Alberto Giannone. Il magistrato ha assolto una donna che l’anno scorso aveva mandato a “fancu...” il vigile urbano di Pinerolo Nicola Ruocco. L’agente municipale, dopo aver contestato un’infrazione alla donna, ha chiesto se la stessa avesse qualcosa da dichiarare. Pronta la risposta: “Vai a fare in c...”. Il vigile, una volta tornato in sede ha poi provveduto a redigere un verbale con successiva denuncia alla Procura della Repubblica di Pinerolo.  Il giudice di Pinerolo, però, ha ritenuto che “il fatto non costituisce reato” ed ha assolto la donna. La motivazione del giudice Alberto Giannone è significativa e potrebbe fare giurisprudenza. Nella sentenza il giudice dichiara che il fatto contestato è avvenuto a multa fatta quindi non ha pregiudicato l’attività di accertamento e compilazione del verbale.

Dario Mongiello

direttore@vocepinerolese.it

Commenti